FONDI DI INVESTIMENTO IN CALCIO I



Anche se può sembrare nuovo per il grande pubblico, il fenomeno dei fondi di investimento nel mondo del calcio è attivo da molti anni. È nato in America Latina, principalmente in Argentina, Brasile, Messico e Uruguay, anche se in una versione più rudimentale in cui il posto dei fondi di investimento era occupato da "aziende" ed è passato da un fenomeno in crescita a diventare un vero problema per FIFA, UEFA e le varie federazioni nazionali. Ciò si verifica con preoccupazione in quanto il controllo che le associazioni nazionali hanno esercitato in modo ben noto in materia di trasferimenti inizia a diluire e a complicarsi con la comparsa di nuovi attori (finanziari) che rivendicano importanza e cantano voce.


Questi fondi di investimento non sono altro che organizzazioni finanziarie che in un modo o nell'altro sono collegate a banche di investimento, normalmente e il loro obiettivo è ottenere guadagni in conto capitale al momento del trasferimento di un giocatore in cui hanno investito denaro in cambio di una partecipazione ai diritti federativi degli stessi. È un affare rischioso, con un futuro che non sempre finisce bene, motivo per cui vengono prese tutte le necessarie "precauzioni" per ridurre tali rischi ed è qui che le cose iniziano a diventare davvero difficili, perché ogni membro della catena difende la sua trama come un gatto a pancia in su, di solito a costo di cercare la massima capacità di influenza e decisione e di essere in pole position quando arriva il momento atteso.


Questi fondi sono creati per attirare figure future in paesi con mercati del calcio di esportazione e cercare di "proteggere, proteggere e" sostenere "i giocatori che vanno in crack e i club che non possono pagargli quello che gli offrono dall'Europa, ad esempio . In una prima fase, il fondo è ben accolto perché inietta la pasta necessaria in modo che il giocatore si calmi e viva bene mentre guadagna prestigio e notorietà e il club può avere una bozza che altrimenti non potrebbe sostenere o mantenere. I problemi sorgono spesso quando il tanto atteso trasferimento milionario in Europa bussa alla porta. Sebbene tutto sia scritto, poiché si tratta di una trattativa con diverse bande, ognuna cerca di portare la brace alla sardina di loro interesse con ogni tipo di manovra, pressione e influenza.


La FIFA e in particolare la UEFA non vedono questo tipo di pratica favorevolmente perché capiscono che toglie il controllo finanziario nei club e non le consente di fissare limiti di gestione e livelli di indebitamento che ritiene ragionevoli. La verità è che non è senza ragione. Tra questo e i club acquistati e gestiti da magnati con fortune di origine dubbia o illecita hanno un compito da svolgere e non sarà facile fare le cose come vogliono quelle organizzazioni internazionali. Certo, tutto può essere molto più complicato se consideriamo aspetti come quello che abbiamo aggiunto al fatto che, a volte, i consulenti e i partner del fondo sono super agenti dei giocatori che gestisce o ex direttori di grandi club con interessi in tutte le trame o che i fondi di cui sopra operano dai paradisi fiscali o dalla stessa città di Londra, anche se a volte sembra che non ci sia molta differenza ... Sì, è preoccupante, perché il calcio ha bisogno di trasparenza, esemplare, professionalità e preparazione per la migliore ed efficace gestione possibili e queste operazioni gettano ombre, dubbi e sfiducia sulla scena calcistica internazionale.


Molto di più se abbiamo come campione il pulsante del caso NEYMAR, tutti contro tutti in campo o vediamo FALCAO in una gara difficile da capire dal punto di vista del calcio o se controlliamo i salti di canguro nella gara stratosferica di JAMES, ecc. eccetera Naturalmente, per essere obiettivi, è importante non dimenticare che l'AT. MADRID è stato in grado di godersi l'attaccante colombiano sopra menzionato e altri giocatori grazie a quei fondi o che ci sono squadre nella nostra lega che sono nella prima divisione grazie a queste operazioni o che i grandi del calcio portoghese sopravvivono e fanno affari eccellenti basati su queste pratiche per molto tempo. . Alcune persone pensano che aiutano a bilanciare la concorrenza e a resistere ai grandi, ma mi sembra che la questione abbia più ombre delle luci e le conseguenze sono generalmente devastanti quando vengono scoperte dopo un po 'di tempo.


La soluzione che i fondi hanno la capacità di decidere solo finanziariamente e non nello sport è un'illusione che non credo si concretizzerà. Come e chi dirà lo stesso ai gestori del fondo di investimento se è lui che mette i soldi, a volte paga persino il giocatore, finanzia il club o lo dà al giocatore in servizio, in un'operazione simile a quella che sarebbe un contratto di locazione finanziaria? Come sappiamo, l'argomento è difficile da risolvere. È un rimedio per i team che non hanno soldi, sono fortemente indebitati o vogliono guadagnare soldi con operazioni "atipiche", cosa che difficilmente riescono a raggiungere. Il grande presidente del Real Madrid, D. Santiago Bernabeu, ha dichiarato decenni fa "se il calcio fosse un business, le banche ci sarebbero state per molti anni". Continua così, perché questo dei fondi non è esattamente "buono" bancario, ma investimenti bancari e "molto finanziario" e sappiamo tutti dove questo modo di fare le cose ci ha portato. Più austerità, più cava, più pazienza e professionalità, più addestramento e rigore e di sicuro eviteremmo molti fondi.

Utilizziamo cookie propri e di terze parti per migliorare l'esperienza dell'utente attraverso la navigazione. Se continui a navigare accetti il ​​suo utilizzo.